Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici
Nuove aperturePizzerie

Cimarra 4: gusto e inclusività tra pizze gluten free e cocktail originali

Cimarra 4

Prima c’era una storica insegna di cucina indiana. Oggi, in via Cimarra 4 a Roma, tra le vie dell’incantevole Rione Monti, sorge una pizzeria dove gusto e inclusività vanno a braccetto grazie a un’attenta proposta senza glutine e lattosio.

L’immenso amore per la famiglia, per una moglie e per una figlia. Questo il motore propulsivo che ha spinto Mathew Myladoor e Renato Strazzeri, rispettivamente genero e suocero, ad aprire le porte di Cimarra 4 nell’omonima via dello storico Rione Monti di Roma. A due passi dai più caratteristici monumenti della città, tra piazza Madonna dei Monti e via Panisperna, la nuova insegna ha, infatti, un obiettivo principale: regalare momenti di gusto e convivialità a un’ampia fetta di pubblico con particolare attenzione alle intolleranze alimentari.

Senza glutine e lactose free. Questi gli imperativi di Cimarra 4 che ha fatto della pizza romana, bassa e scrocchiarella, abbinata a vini di qualità e cocktail originali il suo core business tra le mura di un locale che per decenni ha ospitato l’autentica cucina indiana.

La storia di Cimarra 4

“La ristorazione ce l’ho nel sangue: mio padre venne qui dall’India e, sebbene lì fossero vicini di casa, è qui a San Pietro che ha conosciuto mia madre, e si sono sposati, per aprire poi il ristorante di cucina indiana Il Guru, dove ho mosso i miei primi passi, e dove sono tornato per prendere in mano le redini dell’attività” racconta Mathew. Un destino, dunque, che ha portato il giovane imprenditore, classe 1988, a conoscere proprio sul lavoro Martina, ora sua moglie, figlia di Renato.

Ed è proprio grazie a Martina, celiaca, che Renato e Mathew hanno intrapreso la strada che li ha portati a inaugurare Cimarra 4. Alle spalle ci sono voluti anni di studi, ricerche e approfondimenti sul mondo del gluten free.

“Mia figlia è stata fortunata. Io nel mondo della farina ci sono nato e cresciuto perché gestisco il panificio di famiglia proprio sotto San Pietro. Quando abbiamo scoperto la sua intolleranza, ho iniziato a studiare per realizzarle in casa i prodotti da forno. Oggi possiamo dire di aver trovato il modo per rendere la pizza e i dolci senza glutine buoni come quelli normali. Qui da Cimarra 4, grazie alla presenza di due cucine separate, situate su due piani differenti, possiamo garantire la totale sicurezza dei nostri prodotti. Ogni contaminazione è assolutamente scongiurata anche perché l’impasto della pizza viene realizzato nel mio laboratorio in ambiente protetto. Nelle cucine poi utilizziamo solo farina di riso. L’idea del senza lattosio poi è nata perché spesso le due intolleranze si manifestano insieme. Così, poi, siamo ancora più inclusivi” spiega Renato.

La proposta gastronomica

In un locale giovane, colorato e decisamente pop, grazie alle istallazioni luminose e ai quadri realizzati da Robert, il fratello di Mathew, il menu cambia settimanalmente, in base alla reperibilità delle materie prime.

Gli impasti, lievitati per oltre 48 ore, sono realizzati con farina di riso e deglutinizzata (per la gluten free) e con un mix di farine 0 e 00 (per quella normale), con il 90% di idratazione, suddivisi in panetti da 180g e stesi categoricamente con il mattarello.

La carta dei fritti, ampia e variegata, è completamente senza glutine e senza lattosio. Si possono trovare i Supplì con pomodoro e basilico e i Fiori di zucca in pastella ripieni di alici, mozzarella e ricotta. E ancora A Breccola, una crocchetta di patate, guanciale, pecorino e scamorza affumicata, croccante fuori e fondente dentro, e il Supplì alla gricia tartufata.

Tra gli antipasti, non mancano poi le Bruschette. Da provare quella con lardo di Patanegra e miele o quella con nduja e cipolla caramellata.

In menu anche una selezione di primi piatti della tradizione romana, sempre senza glutine, per accontentare tutti i palati. Spazio alla Cacio e 6 pepi con pecorino romano DOP e mix di sei pepi neri: Penja, Sarawak, Voatsiperifery, Malabar, Tellicherry e Sichuan, ma anche agli Gnocchi con pomodoro e burrata di Andria.

Le pizze, disponibili tutte normali e senza glutine (si distinguono dalle bandierine che vengono posizionate sopra prima di arrivare al tavolo), sono suddivise in rosse e bianche.

Imperdibili la Marinera con pomodoro, aglio nero e origano, con la sua base croccante e profumata, e la Super Bufalina con datterini gialli e rossi e stracciatella.

Tra le pizze a base bianca, spiccano la Fiori di zucca e alici, semplice e gustosa, ma anche la Scamorza e speck. E ancora la Quattro formaggi con gorgonzola, provola affumicata, grana padano e bufala, e la Boscaiola con funghi champignon e salsiccia artigianale.

I dolci, tutti senza glutine, sono un inno alla golosità. Dal Cannolo scomposto con crema al mascarpone al Tiramisù al caramello, fino alla Focaccia con nutella e crema al pistacchio.

I drink

Focus di Cimarra 4, come dicevamo, è l’abbinamento pizza/cocktail. Un grande bancone bar, infatti, accoglie gli avventori fin dall’ingresso per un drink in compagnia anche all’ora dell’aperitivo. Proprio per questo la carta degli spritz è ampia e sfiziosa, decisamente fuori dal comune. Ne è un esempio il Raspberry Limoncello Spritz o il Tequila Passion Spritz. Da provare il Mediterrean Spritz con gin, timo, prosecco e soda o l’Amaretto Spritz aromatizzato al profumo d’arancia.

Tra i cocktail, tra quelli classici e quelli più creativi, ampio spazio è lasciato al Gin Tonic ma a farla da padroni sono i drink “fuori menu”. Da non perdere questa settimana il Paracetamolo Sour con amaro Cynar, Chartreuse gialla, succo di limone, sciroppo di zucchero e albume d’uovo. Un vero e proprio elisir di benessere per un’insegna che, per amore, ha portato una svolta più inclusiva alla convivialità del rione Monti.

Info utili

Cimarra 4

Via Cimarra 4, Roma

tel. 06 4577 7297

Aperto dal martedì alla domenica 17:30 – 23:30 (cucina aperta fino alle 22:45). Lunedì chiuso.

Sito

Articoli correlati

Ribelle e Rascasse: cucina contemporanea a vini di qualità a Treviglio

Redazione

Osteria dell’Elefante, a tavola tra botti e resti di Mammuth

Giorgia Galeffi

Namare a Portici, una nuova cucina di mare a due passi da Napoli

Nadia Taglialatela