Magazine online di enogastronomia, ristorazione e ospitalità • Mercoledì 28 Giugno 2017

Chef Rubio e Erri De Luca: Pasto Sospeso per i migranti

L’antica usanza napoletana riproposta per aiutare i transitanti e i non abbienti di Roma. L’iniziativa lanciata dallo spazio Casetta Rossa nella capitale

Chef RubioErri De Luca insieme in favore dei migranti in condizioni di disagio e povertà con la campagna Pasto Sospeso, per offrire “un pasto a chi è di passaggio per Roma o a chi non può permettersi di pagarlo”.

L’iniziativa di solidarietà, che verrà presentata ufficialmente giovedì 2 febbraio alla presenza proprio del noto “cuoco di strada” e dello scrittore (che prepareranno da mangiare per circa 20 ospiti del centro di accoglienza policultuirale Baobab Experience), è promossa dallo spazio Casetta Rossa del quartiere Garbatella e sostenuta dalla Fondazione Erri De Luca e trae ispirazione dall’antica usanza napoletana del caffè sospeso – una persona beveva un solo caffè ma ne pagava due, per offrirlo a chi sarebbe venuto dopo e non aveva i soldi per ordinarlo – solo che al posto della tazzina ci saranno pranzi e cene complete.

«Questa pratica – spiegano gli ideatori – in tempi di crisi economica e occupazionale è tornata alla ribalta e da Napoli si è estesa anche in altre città d’Italia e d’Europa. Vogliamo trasformarla nel dono di un vero e proprio pasto con l’obiettivo di contribuire a migliorare le condizioni di vita delle migliaia di persone in transito che attraversano Roma».

“Pasto Sospeso” sarà rivolto dunque ai transitanti nella capitale raccolti proprio presso il Baobab. Consisterà nella possibilità di offrire uno o più pasti, ognuno per il valore di 5 euro, con donazione diretta presso Casetta Rossa o attraverso bonifico.

Info: casettarossa.org

Un commento su “Chef Rubio e Erri De Luca: Pasto Sospeso per i migranti”

I commenti sono chiusi