Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici
ItinerariViaggi di Gusto

Sardegna: viaggio culinario nel gallurese

Alla scoperta della tradizione gallurese: suggerimenti di piatti e strutture confortevoli per i ponti del 25 aprile e 1 maggio 2024.

I ponti del 25 aprile e del 1 Maggio rappresentano un’occasione perfetta per staccare la spina e trascorrere del tempo immersi nella natura. Se si è alla ricerca di una meta suggestiva e autentica, l’agriturismo o una tenuta in Gallura è la scelta ideale.

In questo articolo forniremo una guida alla scoperta dei piatti tipici della cucina gallurese con suggerimenti su dove poter soggiornare e assaporare al meglio le specialità locali ma anche godere di lunghe passeggiate all’aria aperta, respirare aria pura e rigenerarsi completamente.

In Gallura, si può deliziare il palato con specialità sarde autentiche e genuine, preparate con ingredienti freschi e di qualità. Scegliendo un agriturismo, si ha l’opportunità di vivere esperienze autentiche e conoscere da vicino la cultura e le tradizioni locali partecipando a corsi di cucina tradizionale, visite guidate alle aziende agricole e degustazioni di vini e prodotti tipici. Ma la Gallura è una regione ricca di attrazioni da visitare, come le spiagge paradisiache della Costa Smeralda, i borghi storici e i siti archeologici.

Ecco i nostri consigli.

Suppa Gaddhurésa o meglio Suppa Cuata

Unisce tutti ma soprattutto chi ama il formaggio che fonde tra il brodo bollente di pecora (manzo o capra) e il pane raffermo insaporito il tutto con il gusto galante della menta. Immancabile durante le celebrazioni come a “li coi” ovvero i pranzi nuziali sardi. La sua preparazione, soprattutto nel nord della gallura viene modificata con l’aggiunta della cannella al posto della menta per dare un sapore un po’ diverso.

Li Chjusoni

Deliziare il palato mangiando lì chijusoni. Un primo piatto che caratterizza la cultura gastronomica gallurese.  Nella maniera più semplice si prepara impastando la farina “tricu còssu” con un po’ d’acqua e un pizzico di sale. Dopo averla ben lavorata, si tira la pasta in cannoncini di circa un centimetro di spessore e ritagliata a pezzetti. Li chiusone possono essere lisci o rigati. La pasta viene poggiata sul fondo di giunco del vaglio e schiacciata col pollice. Gli ingredienti per il condimento sono semplicissimi: si utilizza la pernice o, in assenza di questa, la carne di gallina. Cipolla, aglio, prezzemolo per un soffritto con la pernice, pomodoro fresco, infine basilico. Sapori genuini e autentici.

Porcetto allo spiedo

C’è chi lo chiama proxeddu, chi porcheddu o porcetto e chi proceddu ma anche proccheddu, poleddu e pulceddu arrustu in Gallura quello che non cambia è il modo in cui si prepara se si vuole rimanere fedeli alla tradizione. Tante varianti, certo, ma solo uno è il modo usato in agriturismo, cottura lenta alla brace.

Acciuledi e meli

Treccine di pasta violada (semola, acqua, uova, strutto) sono rigorosamente fritti e cosparsi di abbondante miele e scorzette di arancia. Di solito preparati per il Carnevale, ma oggi è una squisita specialità da assaggiare in ogni occasione. Il perfetto dulcis in fundo.

Agriturismi consigliati

Gallicantu Stazzo Retreat, Luogosanto

Oltre tre ettari di macchia mediterranea e graniti dalle forme antropomorfe celano le poche camere e suite di Gallicantu, a due passi dal borgo storico di Luogosanto, nel cuore della Gallura. Lo stazzo, il fulcro della vita agro-pastorale gallurese per centinaia di anni, è ora un retreat di fascino dove ritrovare i ritmi lenti della natura. Al centro della tenuta si trova la piscina ricavata tra le rocce, perfetta per un po’ di relax prima di cimentarsi in una lezione di cucina locale o sperimentare le proprie doti d’artista con un corso di acquerello.

La sera gli ospiti si ritrovano nel Giardino di Re, il salotto sotto il grande olivastro centenario, per un aperitivo a base di salumi e formaggi di piccoli produttori selezionati in tutta l’isola, accompagnato in stagione da concerti jazz.

Da non perdere: la caccia al tesoro alla scoperta dei segreti di Gallicantu. Chi trova tutti i diciotto punti nascosti, vince un premio speciale confezionato personalmente dai padroni di casa, Raffaella Manca e Marco Berio. Immancabile una visita a Luogosanto, che deve il nome alle 22 chiese campestri disseminate nel suo territorio. Città del Vino, il paese è patria del Vermentino di Gallura, unica DOCG dell’isola, e di importanti cantine riconosciute a livello internazionale.

Gallicantu Stazzo Retreat
SP14 Loc. Corrimozzu – 07020 Luogosanto (SS)

Tel. (+39) 079 7000585 – Cel. (+39) 335 628 6635

Stazzu Lu Ciaccaru, S. Antonio di Gallura

Stazzo Lu Ciaccaru era l’abitazione dei mezzadri, oggi, dopo un attento restauro è un resort a 4 stelle. Soggiornare qui è molto più di una semplice vacanza, è un’esperienza autentica che permette agli ospiti di immergersi completamente nella cultura e nelle tradizioni della Sardegna, scoprendo il vero spirito dell’isola. Semplice ed elegante in ogni angolo della struttura. Offre tutto quello che un ospite cerca in una vacanza di puro relax.

Da non perdere: il gusto armonioso dei piatti, quelli sardi e toscani, al ristorante La Ciminea all’interno del resort.

Hotel 4 stelle Stazzo Lu Ciaccaru
07021 Arzachena (OT) Sardegna – Italia
Tel. (+39) 0789844001 / Cel. 3357989844
Email info@stazzoluciaccaru.it

Tenuta Pilastru, Arzachena

Con vista sulle montagne della Gallura, Tenuta Pilastru è il luogo ideale per chi cerca relax e autenticità. Le camere sono arredate con gusto e offrono comfort e tranquillità per un riposo rigenerante. La Tenuta Pilastru è il luogo ideale per matrimoni, eventi aziendali e altre occasioni speciali.

Da non perdere: La visita e un aperitivo al tramonto tra le spettacolari rocce granitiche, qui si trova una delle conchi fraicàti più belle della Gallura.

Tenuta Pilastru
Località Pilastru km 5, Arzachena
Tel. (+39)  0789 82936 – booking@tenutapilastru.it

Agriturismo La Colti, Cannigione

Un’autentica dimora sarda che incanta i suoi visitatori con la sua bellezza rustica e il suo fascino senza tempo. L’Agriturismo La Colti si distingue per la sua architettura tipicamente sarda, caratterizzata da muri in pietra naturale e dettagli artigianali che raccontano la storia e le tradizioni dell’isola. La maggior parte degli ingredienti che si trovano nei loro piatti sono prodotti nella tenuta, dai salumi alle paste fatte in casa, pane, dolci, liquori.

Da non perdere: partecipare ad corso di cucina contadina per portare tra i fornelli di casa un tocco di cucina gallurese.

Agriturismo La Colti
Località Lu Pireddu – 07020 Cannigione (SS)

info@lacolti.it – Tel. (+39) 0789 88440

Fattoria Lu Branu, Arzachena

Lu Branu è un azienda multifunzionale a conduzione familiare, oltre ai servizi offerti come ristorazione e camere si possono svolgere attività che permettono di valorizzare la cultura locale e il territorio attraverso il trekking, lo yoga e l’area di arrampicata Bloc.

Questo agriturismo offre un’atmosfera accogliente e autentica, con camere confortevoli e una cucina tipica gallurese.

Da non perdere: visita all’interno del Museo dello Stazzo. È possibile conoscere lo stile di vita delle famiglie galluresi grazie a una riproduzione autentica di quello che era lo stazzo della loro famiglia due secoli fa, ricostruito nei minimi dettagli. 

Agriturismo Lu Branu
Strada Statale 125 (Arzachena Palau) – KM 348
Tel. (+39) 0789 83075 – E-mail: info@lubranu.it

Articoli correlati

Antonia, Mennea e la genialità di Silvio Jermann

Luca Cristaldi

Borgo Divino 2021: un viaggio con la scusa del vino per conoscere i borghi più belli d’Italia

Sara De Bellis

Fermenta: la pizza contemporanea abruzzese abita a Chieti

Valentina Franci