Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici • Giovedì 28 Gennaio 2021

Vite: il progetto di empowerment femminile a sostegno delle produttrici vitivinicole italiane

Vite è una piattaforma online in cui produttrici e appassionate di vino possono incontrarsi: un luogo virtuale in cui storie ed emozioni danno voce al coraggio di essere donne.

Vite, storie di vino e donne: l’alba di una nuova vendemmia.

Vite è una piattaforma online, un salotto virtuale, in cui appassionate di vino e artigianato possono mettersi in contatto con produttrici vitivinicole provenienti da tutta Italia. Un progetto nato da una passione in comune tra due giovani donne – Agnes e Vera – per dar voce alle tante storie di coraggio, difficoltà e rivalsa nel settore vitivinicolo italiano femminile.

La piattaforma permette, inoltre, l’acquisto di un cofanetto degustazione per creare un’esperienza di assaggio unica nel suo genere.

Le abbiamo intervistate per conoscere più da vicino il progetto.

Socie, amiche e amanti del buon vino. Cosa si può desiderare di più? Raccontateci qualcosa di voi.

Ci siamo conosciute un paio d’anni durante un evento a Milano. A quel tempo, Agnes aveva appena finito un corso di Digital Marketing e io (Vera) mi stavo specializzando in Digital Storytelling di Brand. Quella sera abbiamo scoperto di avere in comune, tra le altre cose, l’essere impegnate in associazioni e community per l’empowerment femminile, la passione per il vino e per l’artigianato.

Sono brand storyteller e giornalista freelance. Mi sono innamorata delle storie delle produttrici vitivinicole italiane durante l’estate 2020 mentre stavo raccogliendo materiali per un articolo dedicato alle donne del vino. Erano storie di coraggio, resilienza, passione e competenza, ma anche e soprattutto storie di fatica. La Pandemia ha messo in difficoltà il settore vitivinicolo e, come hanno condiviso con me alcune produttrici, se c’è qualcosa di peggio di essere una produttrice vitivinicola italiana, è essere una produttrice vitivinicola italiana durante una forte e disastrosa crisi.

Vite, una parola meravigliosa. Mi viene da pensare che punti ad un doppio significato. Corretto? Qual è stata la motivazione che vi ha spinto a puntare su questo progetto?

Sì, Vite come le storie di vita delle artigiane dell’uva e Vite come la pianta dai cui frutti si ricava il vino. Nella nostra esperienza, sono proprio questi, il vino e la storia, i punti di forza delle produttrici vitivinicole italiane.

Quali sono i vostri ruoli all’interno di questa splendida community? Possiamo anche definirla così?

Certamente! Vite è un progetto di comunicazione, di empowerment femminile e di community: il nostro intento è proprio quello di creare un luogo dove le donne che amano il vino e le donne che lo producono possano incontrarsi.

Abbiamo definito i nostri ruoli in base alle nostre competenze, anche se ovviamente essendo un progetto appena nato, spesso ci troviamo a fare tutto, entrambe. Io mi occupo soprattutto di storytelling, comunicazione e pubbliche relazioni, mentre Agnes si occupa della parte commerciale e delle partnership.

Viviamo gli anni di un silente cambiamento. Ogni evento sembra sollecitare la rinascita di noi donne. Cosa significa per voi investire su una realtà tutta al femminile nel 2020?

L’idea del progetto è nata in un momento molto difficile per entrambe; l’abbiamo vista come un’opportunità per creare qualcosa di valore, che da un lato potesse darci soddisfazione, e anche speranza in un momento per noi complesso, e dall’altro potesse sostenere altre donne nella realizzazione dei propri progetti. Entrambe crediamo molto nell’importanza dell’empowerment femminile e siamo impegnate attivamente in diverse community. Per noi Vite è un vero progetto d’amore e di rinascita.

La pandemia da Covid-19 ha messo in ginocchio molti imprenditori del settore agroalimentare e di quello vitivinicolo, senza contare le difficoltà che ogni giorno incontriamo noi donne per affermarci all’interno di questi mercati. In che modo Vite può contribuire a questa discrepanza?

Crediamo nel potere delle connessioni. Fare rete con altre donne crediamo sia il modo migliore per uscire dai momenti di difficoltà e per raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissate. Vite vuole fare la sua parte per le artigiane dell’uva, facendo conoscere le loro storie e i loro prodotti il più possibile.

L’obiettivo è proprio quello di generare un incontro, tra le donne che amano il vino e le donne che lo producono; tra donne che potrebbero star attraversando a loro volta un momento difficile, che sentono di aver bisogno di avere di fronte a sé la storia di un’altra donna per avere il coraggio di vivere la propria, e donne che quella storia hanno voglia di donarla.

Non soltanto incontri, sostegno e storie, è possibile anche mettersi in contatto con le produttrici per l’acquisto di cofanetti degustazione. Cosa prevedono i pacchetti?

Il cofanetto degustazione è il ponte che crea la magia di questo incontro. Ogni cofanetto degustazione contiene, infatti, un vino, scelto dalla sua produttrice perché rappresentativo della sua storia, del suo territorio o della sua arte; la storia della produttrice, raccontata da lei stessa, e una degustazione guidata, in formato video o testo, in cui la produttrice invita chi degusta ad assaporare il vino accompagnata dalla sua voce.

L’idea di inserire nel cofanetto la storia e la degustazione guidata ci è venuta ascoltando le storie delle artigiane dell’uva. Ci hanno raccontato quanto per loro fosse importante puntare sull’enoturismo. Il momento più bello dell’incontro con chi visita la loro cantina è proprio quello della degustazione, quando si smette di parlare, si apre la bottiglia e si versa il vino nel bicchiere. Abbiamo voluto donare alle donne la magia di questo incontro, ricreandola all’interno dei nostri cofanetti.

Come si può aderire o sostenere Vite?

A Vite possono aderire tutte le donne che producono vino, è sufficiente scriverci una mail a info@vitestoriedivinoedidonne.it. Per sostenere il progetto si possono, inoltre, acquistare i cofanetti degustazioni, raccontare cosa vi è piaciuto di più, dei vini, delle storie o del progetto stesso, alle vostre amiche, alle vostre mamme, zie, sorelle, suocere, così che anche loro possano lasciarsi ispirare dalle storie. E, poi, ovviamente, seguirci sui social ed entrare a far parte della nostra community delle donne che amano il vino e di quelle che lo producono!

Quali sono gli obiettivi di Vite per il 2021? Pensate di puntare ad una campagna di crowdfunding per nuove iniziative?

Abbiamo grandi obiettivi per Vite per il prossimo anno e, ovviamente, la parte di raccolta fondi è molto importante. Per adesso vorremmo concentrarci sul far conoscere e far crescere il progetto; includendo altre produttrici sul sito e lavorando molto sulla comunicazione per avere visibilità e una community sempre più attiva. Il passo successivo? Far diventare Vite un vero e-commerce.

Info utili

Vite Storie di vino e di donne

Sito

Mail: press@vitestoriedivinoedidonne.it

Pagina Facebook