Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici • Domenica 05 Luglio 2020

Paolo Marzotto, ci lascia il grande imprenditore del vino e del tessile

Paolo Marzotto

Paolo Marzotto, istituzione del mondo del vino, lascia tutte le sue aziende a 89 anni

Paolo Marzotto è stato il capofila della dinastia che ha fondato un impero tessile a Valdagno (Vi), ma anche un grande magnate del mondo del vino. Tra i suoi possedimenti il Gruppo Santa Margherita, fondato dal padre Gaetano Junior e dal 1993 ha detenuto il 60% dell’azienda franciacortina Ca’ del Bosco.

Ma il mondo del vino è legato a doppia corda con Paolo Marzotto. Nel 1997, all’età di 72 anni, ha fondato l’azienda vinicola Baglio di Pianetto a Santa Cristina Gela e poi successivamente la Tenuta Baroni tra Noto e Pachino.

“Dopo una lunga attività imprenditoriale nel mondo della moda decise di ripartire daccapo” racconta Renato De Bartoli, amministratore dell’azienda. “Puntò proprio sulla Sicilia per investire, lui che era un profondo conoscitore dei più famosi terroir francesi e dei più vocati presenti del nord Italia”.

Classe 1930, Paolo Marzotto, quinto di sette figli, avrebbe compiuto 90 anni tra qualche mese, il 9 settembre.

Sino a poche settimane fa Paolo Marzotto, il “conte volante” come era spesso chiamato, era in buona salute al punto che l’ultima sua presenza pubblica risaliva ad inizio aprile, quando aveva aderito alla campagna «#pensAci» lanciata dall’Automobile Club per raccogliere fondi per la sanità per combattere il coronavirus. Ha gareggiando in alcune delle più importanti competizioni mondiali del Secondo Dopoguerra tra cui la 24 Ore di Le Mans e alcune edizioni della Mille Miglia.