Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici
Ristoranti

Osteria Casa Tua: la cucina toscana a Milano

Nel cuore del quartiere Porta Romana, a Milano, osteria Casa Tua accoglie gli amanti della buona cucina toscana, con una proposta semplice e genuina delle ricette più antiche e amate di questa terra

di Claudiana Di Cesare e Nadia Deisori

Recuperare un antico forno e trasformarlo in una delle trattorie più amate di Milano, dove la cucina toscana regna sovrana. David Ranucci, “l’Oste da 100 anni” già fondatore di altri due famosi ristoranti della città (Giulio Pane e Ojo e Abbottega), non è nuovo ad imprese di questo genere, ben conosciute da chiunque ami mangiare bene a Milano.

Il viaggio di David inizia molto tempo fa, quando decide di portare nel mondo la passione per la cucina e l’amore per la sua terra e per i sapori buoni di una volta, ereditando e tramandando le ricette e i 100 anni di storia della sua famiglia. Da Viterbo arriva a Roma, per poi volgere lo sguardo a Nord, verso Milano, la città che lo accoglie e adotta. Negli anni, con impegno e una buona dose di intuito, trasforma un piccolo slargo di Via dei Muratori nella sua ‘Piazzetta dell’Oste’: un’oasi felice di gusto e convivialità nel cuore di Milano, che accoglie, ogni settimana, centinaia di amici e clienti affezionati.

osteria casa tua

osteria casa tua

L’Osteria Casa Tua apre nel 2006, seconda arrivata in famiglia dopo Giulio Pane e Ojo. David rileva gli ambienti del più antico forno del quartiere Porta Romana, rimanendo conquistato dal fascino rustico, lontano nel tempo e buono che quegli ambienti erano capaci di trasmettere a chiunque ne varcasse la soglia. Con una fine opera di ristrutturazione, recupera e valorizza l’architettura originale del forno: lo splendido soffitto a volte, le pareti di mattoni rossi a vista, le vecchie scale in pietra… L’atmosfera è accogliente, avvolgente, familiare: il nome ‘Casa Tua’ gli cade proprio a pennello.

“Nell’Osteria Casa Tua propongo i piatti della cucina tipica delle province toscane – racconta David -, dal casentino fino alle terre senesi, con particolare attenzione all’amata tradizione maremmana”. Gli ingredienti sono genuini e accuratamente selezionati proprio da David e dai componenti della sua famiglia, che visitano personalmente le aziende del territorio, le realtà regionali più antiche e virtuose, per scoprire i prodotti più buoni, possibilmente realizzati seguendo le antiche lavorazioni. “Senza il rispetto delle tradizioni e il legame con la terra nessun progetto in cucina e nella vita può riuscire – continua David -. Il mio ruolo non è quello di inventare, né tantomeno rielaborare. La mia missione è arrivare alla sintesi perfetta di queste tradizioni e farmi custode delle antiche ricette, per riproporle con il sorriso ai miei amici e clienti”.

osteria casa tua
Panzanella maremmana
osteria casa tua
Pappardelle all’antica
osteria casa tua
Pollo del magnifico

Casa Tua diventa così il luogo ideale per quanti vogliano provare la cucina tradizionale toscana, anzi, “delle province toscane”, come ama specificare David Ranucci, sottolineando le particolarità e le differenze gastronomiche, storiche e culturali di ogni singola provincia. Una cucina genuina, schietta, di origine contadina, che trova la sua espressione non solo nella proposta di primi e secondi piatti famosi, come la panzanella maremmana, la ribollita o la vellutata di ceci, ma anche nell’inserimento in menù di ricette tipiche e particolari, molte delle quali si stanno perdendo nel tempo e meritano di essere salvate e valorizzate: i testaroli, i pici briciole e acciughe, il peposo alla fornacina, il fieno di canepina, gli gnudi ricotta e spinaci, le pappardelle all’antica o il pollo del magnifico.

osteria casa tua
Il tiramisù di Casa Tua

E i dolci? Si chiude in bellezza con la proposta dei dolci tipici toscani, ad esempio con una fetta di torta coi bischeri, oppure col classico tiramisù, che si dice fondi i suoi natali proprio in Toscana. In alternativa, potete ordinare dei fragranti cantuccini appena sfornati, naturalmente accompagnati da un ottimo bicchiere di Vin Santo.

Articoli correlati

Roma e la Ristorazione su Misura: il piacere della tavola e gli indirizzi a prova di norme – Day By Day

Sara De Bellis

LSDM Paestum 2018: Eat Well and Stay Well

Giorgia Galeffi

Villa Margherita a Longiano: il nuovo relais apre nonostante tutto

Camilla Rocca