Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici • Giovedì 30 Giugno 2022

Dario Nuti, il pasticcere d’azzardo

Grazie ad accostamenti insoliti e sorprendente è considerato uno dei migliori pastry chef del momento. I suoi dessertli potete provare a fine pasto al ristorante stellato Imàgo, all’ultimo piano dell’Hotel Hassler di Roma

Dario Nuti simpatico fiorentino trentaseienne con i suoi dessert strega continuamente i palati dei clienti dell’Imàgo, noto ristorante stellato dell’Hotel Hassler a Roma.

E’ considerato uno tra i più bravi pastry chef al momento, grazie anche alla sua ricca esperienza prima in Inghilterra e a Parigi fino ad arrivare all’Hotel Four Seasons di Firenze, dove incontra l’alta pasticceria francese di Romain Renard.

Dopo tre anni approda a Roma, accanto al talentuoso chef Francesco Apreda. Durante la sua carriera è stato anche sous chef quindi conosce molto bene la materia prima e su questo si basa l’intesa con Apreda, con cui condivide l’idea di cucina. Lo chef dell’Hassler, appassionato di oriente e di spezie, lo coinvolge nel suoi spostamenti proprio per creare una sinergia e una continuità nella cucina che propongono ai clienti.

Nuti cerca di sperimentare la sua pasticceria con novità e con accostamenti che sembrano all’inizio azzardati, ma che riescono a sorprendere il palato nell’assaggio dei suoi dessert.