Magazine online di enogastronomia, ristorazione e ospitalità • Martedì 24 Ottobre 2017

Premio MangiaeBevi, trionfa Heinz Beck e La Pergola

premio mangiaebevi 2017

Grande successo ieri sera al Teatro Parioli per la prima edizione del premio. Protagonisti assoluti lo chef tedesco e il suo ristorante che si affermano in ben 4 categorie. Riconoscimenti importanti anche per Bonci, Callegari, Lo Iudice, Seu e Roscioli. Premio speciale per la “critica enogastronomica” a Luigi Cremona

Una prima edizione dai grandi numeri quella del Premio MangiaeBevi 2017 – Le Eccellenze di Roma e del Lazio tenutosi ieri sera al Teatro Parioli. 32 i premi conferiti alle “attività di ristorazione”, 9 ai “professionisti della ristorazione”, 22 attestati di eccellenza ai prodotti e produttori enogastronomici del Lazio. Insomma, un evento senza precedenti che ha visto un incredibile coinvolgimento degli operatori della ristorazione romana e laziale.

Il premio, patrocinato dalla Presidenza della Regione Lazio e dall’Assessorato allo Sviluppo Economico, Turismo e Lavoro del Comune di Roma, si è guadagnato da subito l’appellativo di “Oscar della ristorazione”, ma è a tutti gli effetti un vero e proprio “premio della stampa”, dal momento che i vincitori delle varie categorie sono stati decretati da una super-giuria composta da 50 dei più autorevoli giornalisti e critici enogastronomici, presieduta da Jerry Bortolan. Una giuria che ha visto rappresentati i maggiori quotidiani, le agenzie di stampa, i periodici, le testate online e tutte le guide gastronomiche. Per la prima volta tutti insieme.

La parte del leone l’ha fatta il ristorante La Pergola, eletto “miglior ristorante di Roma”, con affermazioni di Heinz Beck (miglior chef) e dei suoi principali professionisti: Simone Pinoli (miglior restaturant manager) e Marco Reitano (miglior sommelier). Importante affermazione anche per Retrobottega, che si afferma con il suo “format innovativo” e con il suo chef Giuseppe Lo Iudice, vincitore nella categoria “under 30”.

Due premi per Gabriele Bonci, che vince come miglior pizza chef e con il suo Pizzarium. Due premi anche Roscioli, miglior bistrot e migliore caffetteria. Pier Daniele Seu vince come “miglior pizza chef under 30”, mentre Marion Lichtle si impone tra due “big” come Giuseppe Amato e Dario Nuti.
Infine, premio speciale per la “critica enogastronomica” a Luigi Cremona.

Ma vediamo tutte le attività di ristorazione che si sono imposte.

Per la categoria “migliori ristoranti gourmet” affermazioni de La Pergola (Roma), Pascucci al Porticciolo (provincia di Roma) e La Trota (province laziali); miglior ristorante di pesce Il Sanlorenzo (Roma) e Romolo al Porto (litorale romano); miglior trattoria L’Arcangelo (Roma) e Sora Maria e Arcangelo (provincia di Roma); miglior pizzeria La Gatta Mangiona; per i ristoranti della tradizione Antica Pesa mentre per il format innovativo Retrobottega; miglior novità dell’anno Madre; miglior comunicazione digitale Il Tino; miglior ristorante etnico Yugo; miglior bistrot Roscioli; miglior brunch Coromandel; miglior enoteca Trimani; miglior birreria Open Baladin; miglior pizza al taglio/alla pala Pizzarium; miglior cibo di strada Trapizzino; miglior cocktail bar The Jerry Thomas Project; miglior caffetteria Roscioli Caffè; miglior pasticceria De Bellis; miglior gelateria Otaleg.

LE CLASSIFICHE DELLE ATTIVITÀ IN NOMINATION

Ed ecco i migliori professionisti della ristorazione: Heinz Beck (La Pergola), miglior chef; Giuseppe Lo Iudice (Retrobottega), miglior chef under 30, Gabriele Bonci (Bonci, Pizzarium), miglior pizza chef; Pier Daniele Seu (Mercato Centrale), miglior pizza chef under 30; Marion Lichtle (Il Pagliaccio), miglior pastry chef; Simone Pinoli (La Pergola), miglior restaurant manager; Sergio Frasca (Imàgo), miglior maitre; Marco Reitano (La Pergola), miglior sommelier; Massimo D’Addezio (Chorus Cafè), miglior barman.

LE CLASSIFICHE DEI PROFESSIONISTI IN NOMINATION

Sono state premiate inoltre 19 aziende enogastronomiche del Lazio (aziende vinicole: Azienda Vinicola Casale Cento Corvi; Azienda Vinicola Falesco; Azienda Vinicola Federici; Biologica Ciucci; Cantine Silvestri; Casale del Giglio Azienda Agricola; La Fenice Sapori; Vinicola Consoli; aziende gastronomiche: Az. Agr. I Giardini di Ararat di Laura Belli; Caseificio Agricolo Fratelli Pira; Lamponi dei Monti Cimini di Massimiliano Biaggioli; Casearia Casabianca; Sapori di Ieri di Antonella Finocchi; Azienda Agricola Marchesi; Pizza Croccantina; Erzinio Food; Cose di Macchia di Silvia Bugliazzini; Little Market; Panino Italiache hanno deliziato il palato dei tanti presenti facendo degustare i loro prodotti nel foyer del teatro. 

A consegnare loro gli “attestati di eccellenza”, l’On. Carola Penna, Presidente della Commissione Turismo del Comune di Roma – in rappresentanza dell’Assessorato allo Sviluppo Economico – che ha premiato anche Daniele Bonanni, proprietario del ristorante “Matrù” di Amatrice – completamente raso al suolo dal recente terremoto – in rappresentanza di alcune attività enogastronomiche amatriciane colpite dal sisma ma che ancora riescono a produrre.

Presenti nell’area degustazioni e premiati anche Caffè Trombetta e Acqua Filette.

Molto bella la scenografia del palco, allestito come un ristorante, con da un lato l’area cucina e i due deejay-chef alle prese con “piatti” e pentole, e dall’altro i tavoli elegantemente apparecchiati e serviti da due giovani allievi della scuola di Enrico Camelio. Seduti al tavolo d’onore il Presidente della giuria Jerry Bortolan e il vice-direttore del TG La7 Andrea Pancani, che ha rimarcato l’obiettivo del Premio MangiaeBevi.
«L’Italia è fonte d’ispirazione per la gastronomia mondiale, con i suoi prodotti, con i suoi vini, con i suoi chef: questa è dunque l’ora per indicarne i più valenti rappresentanti e contribuire ad accendere i riflettori sulle eccellenze e sui professionisti della ristorazione in tutta Italia. Roma è infatti la prima di tre tappe che porteranno il premio a Napoli e a Milano, per poi dar vita a febbraio ad un evento di premiazione nazionale».

Ai tavoli anche Chiara Giannotti (autrice Vino.tv), Francesco Acampora (giornalista e conduttore), Belinda Bortolan (consulente comunicazione e marketing della ristorazione) e Fabio Carnevali (editore e direttore di MangiaeBevi.it), che ha spiegato il senso della manifestazione.

«Il premio MangiaeBevi 2017 • Le Eccellenze di Roma e del Lazio nasce come naturale evoluzione della guida MangiaeBevi, come riconoscimento e gratificazione di quelle attività e di quei professionisti della ristorazione che si siano distinte/i durante il corso dell’ultimo anno. Abbiamo coinvolto i 50 più valenti rappresentanti della stampa di settore, per scattare un’immagine sulle migliori proposte e professionalità della capitale e della regione».

Hanno presentato lo spettacolo Margherità Praticò e Stefano Raucci, inossidabile coppia del concorso Miss Italia, rappresentato anche dal regista Mario Gori e da 5 bellissime miss, qui nel ruolo di hostess. Un connubio tra eccellenze e bellezza.

La colonna sonora è stata sapientemente “cucinata”, rigorosamente su vinile, dai due deejay Sandro Di Martino e Roberto Ianniello – premiati per la loro musica DOC – che hanno utilizzato i mitici piatti Technics SP15 e indossato i panni degli chef.

Il Premio MangiaeBevi è stato supportato da Selecta, Bricofer, Acqua Filette, Pratesi Hotel Division, Casa dello Chef, TrovaciGusto.com, Menoo e da alcuni media partner, come il quotidiano digitale RomaToday.it – che ha assegnato il premio per la Miglior Comunicazione Digitale – l’emittente radiofonica Radio Globo e i magazine Vie del Gusto e Gusto Sano.

premio mangiaebevi

Il direttore di MangiaeBevi Fabio Carnevali con alcuni membri della giuria sul palco del Teatro Parioli

Premio mangiaebevi

La premiazione de Il Sanlorenzo, Miglior ristorante di pesce a Roma

premio mangiaebevi

Anthony Genovese, Francesco Apreda, Roy Caceres

Premio mangiaebevi

La premiazione di Pascucci al Porticciolo, miglior ristorante gourmet della provincia di Roma

premio mangiaebevi

Carola Penna, Presidente della Commissione Turismo del Comune di Roma, Andrea Pancani (La7) insieme a Daniele Bonanni proprietario del ristorante Matrù di Amatrice

premio mangiaebevi

La premiazione di Simone Pinoli de La Pergola, miglior restaurant manager

premio mangiaebevi

Premiazione de La Trota, miglior ristorante gourmet delle province del Lazio

premio mangiaebevi

La premiazione di Retrobottega, miglior format innovativo

premio mangiaebevi

La premiazione di di Trapizzino, miglior cibo di strada

premio mangiaebevi

La premiazione di Pier Daniele Seu, miglior pizza chef under 30

premio mangiaebevi

La premiazione di Sora Maria e Arcangelo, miglior trattoria della provincia di Roma

premio mangiaebevi

Matteo Scarlino, direttore di RomaToday, premia Il Tino per la migliore comunicazione digitale

Premio mangiaebevi

La premiazione de L’Arcangelo, migliore trattoria di Roma

2 commenti su “Premio MangiaeBevi, trionfa Heinz Beck e La Pergola”

I commenti sono chiusi