Magazine di ristorazione e itinerari enogastronomici • Mercoledì 14 Aprile 2021

La Riserva Bistrot: in casa Firriato si riparte con la cucina della famiglia Pennisi

La Riserva Bistrot

Firriato sceglie la famiglia Pennisi per la cucina de La Riserva Bistrot, il ristorante della Tenuta di Cavanera Etnea.

Nonostante le ristrettezze previste dall’ultimo Dpcm in vigore fino al 6 aprile 2021, in casa Firriato nascono nuove sinergie in vista della riapertura che si spera avvenga nella primavera/estate 2021. Lo storico brand del vino siciliano, infatti, ha affidato alla grande esperienza della famiglia Pennisi la gestione della nuova proposta enogastronomica de La Riserva Bistrot, il ristorante del wine resort di Cavanera Etnea a Castiglione di Sicilia (Catania).

Non stupisce la nascita di questa intesa se si pensa che le due famiglie  condividono la stessa visione. Da un lato i Di Gaetano, fondatori negli anni Ottanta del marchio Firriato, realtà che oggi con le proprie tenute viticole – Trapani, Favignana ed Etna – riesce a offrire una panoramica dell’eccellenza vinicola siciliana. Dall’altro lato la famiglia Pennisi di Linguaglossa, con una lunga tradizione alle spalle nel mondo della ristorazione, i primi a portare sull’Etna la Stella Michelin con il ristorante Shalai e a ideare l’originale format Dai Pennisi – Macelleria con cucina.

L’obiettivo condiviso è quello di interpretare al meglio, con originalità e cura dell’ospite, i valori enogastronomici autentici dell’Etna, in un luogo di bellezza e di armonie, adatto a celebrare una convivialità ricercata, di tradizione ma anche innovativa, in grado di realizzare quegli “incontri passionali e memorabili” tra cibo e vino.

Il progetto de La Riserva Bistrot

La Riserva Bistrot si inserisce in un contesto paesaggistico unico, che riesce a evocare un susseguirsi di emozioni gastronomiche, improntate sulla ricerca della qualità nel rispetto della tradizione. Il ristorante si trova all’interno della Tenuta di Cavanera, con un accesso esterno separato al wine resort, a disposizione anche degli ospiti che non soggiornano nella struttura, e uno interno che conduce direttamente all’antico Palmento e al vigneto Prefillossera.

Porteremo a La Riserva Bistrot – racconta Luciano Pennisila storia, la competenza, l’originalità e la qualità che abbiamo costruito in oltre 50 anni di attività, prima con la storica macelleria di famiglia a Linguaglossa e successivamente nel progetto Shalai Resort e Dai Pennisi-Macelleria con cucina, sempre nel centro montano. Abbiamo, adesso, un nuovo progetto da realizzare grazie alla fiducia espressa nei nostri confronti dalla famiglia Di Gaetano, con la quale condividiamo l’amore per l’Etna e la valorizzazione delle eccellenze di Sicilia”.

La Riserva Bistrot

Siamo certi che contribuiremo a scrivere una bella e nuova pagina legata alla ristorazione e all’accoglienza, requisiti per noi fondanti. Stiamo già strutturando una proposta enogastronomica che prenderà spunto da quelle già messe in atto nelle nostre attività di famiglia, ma che sarà ovviamente diversificata e innovativa, in linea con i magnifici e suggestivi luoghi di Cavanera Etnea, in cui batteranno, all’unisono, il nostro cuore e quello della famiglia Di Gaetano”.

 “Una partnership di ampio respiro – continua Salvatore Di Gaetanoche completa il Progetto Cavanera sull’Etna e che costituisce un ulteriore punto di eccellenza. Con la famiglia Pennisi condividiamo reputazione e prestigio, fattori distintivi di un’esperienza enogastronomica centrata sulla qualità e su un’accoglienza di riguardo”.

Durante il giorno la suggestiva terrazza del bistrot offre una panoramica sulle vigne di Nerello Mascalese e Carricante – le varietà storiche del Vulcano – incastonate in un habitat naturalistico di raro splendore, mentre al tramonto l’atmosfera diventa magica, in una miscellanea di colori che si fondono a latere della vista della maestosità del vulcano. La sera, invece, appena sarà possibile, da non perdere la cena a lume di candela, in un ambiente di suggestiva bellezza.  

Apertura prevista: maggio/giugno 2021 (data da definire in base alle disposizioni governative).